Ho finalmente finito di leggere “Le quattro stagioni dell’estate” di Grégoire Delacourt. Un (meraviglioso) bis di quel trionfo di poesia, amore e morte, lieve e densissimo al tempo stesso, che fu nel 2013 “Le cose che non ho”. Ne parlo brevemente per TeleScrivo.

Annunci