Non siamo gli unici a credere in un “dopo”, una vita senza soluzione di continuità, un posto e una comunità altrove a cui dobbiamo presentarci accuditi e puliti dignitosamente dai nostri cari. Ecco, in natura ci sono esemplari oltre agli uomini che praticano questo culto. La mia mezza pagina di oggi su Il Giornale.

20170326_113124
Annunci